Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /homepages/43/d274028608/htdocs/tmp/couteau-suisse/mes_fonctions.php on line 723

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /homepages/43/d274028608/htdocs/tmp/couteau-suisse/mes_fonctions.php on line 723

Un altro mondo è possibile?

Martedì 17 marzo 2009 - Editoriali

Fin dalla sua nascita, l’economia ha cercato di intrattenere un’immagine di scienza asettica, indipendente dai rapporti sociali nell’ottica non dichiarata di rendere indiscutibile la distribuzione della ricchezza e l’organizzazione della società. I risultati di tale lavoro ideologico sembrano più che mai visibili oggi quando, di fronte a una crisi che dilaga di giorno in giorno, nessuno sembra in grado di offrire una proposta concreta di società alternativa.

Per i primi studiosi che tentarono di fare dell’economia una scienza - gli economisti classici - il mondo si divideva in tre categorie: coloro che disponevano di un capitale, i capitalisti, coloro che possedevano la terra, i proprietari terrieri e coloro che non disponevano ne dell’uno ne dell’altra, i lavoratori. I rapporti fra queste tre classi si reggevano su un insieme di «leggi naturali» oggetto di studio dell’economia. Fra questi si trovava il principio della mano invisibile, enunciato da Adam Smith (1723-1790): il produttore guidato dall’interesse personale e «condotto da una mano invisibile finisce per perseguire uno scopo che non è per nulla nelle sue intenzioni» [1].

La magia del meccanismo della mano invisibile non portava comunque gli economisti classici a conclusioni troppo ottimiste riguardo alle sorti del capitalismo. Per David Ricardo (1772-1823) la crescita della produzione avrebbe dovuto fare i conti con la limitatezza della natura, causa ineluttabile di una aumento dei costi di produzione che avrebbe annullato i profitti. La società che ne sarebbe scaturita sarebbe stata caratterizzata da duri conflitti per la spartizione della ricchezza.

Per Ricardo un altro mondo era possibile, ma non per questo auspicabile...

 Marx e la rivoluzione inevitabile

Elemento essenziale della sua teoria, Marx (1818-1883) non credeva che l’economia si reggesse su leggi universali, ma semplicemente su delle regole valide e verificabili in un dato periodo storico. Per Marx le «leggi» degli economisti classici altro non erano che il frutto dell’evoluzione storica e dei rapporti di forza fra le classi.

Agendo con assoluta cognizione di causa, Marx dimostrò quanto l’economia fosse frutto di scelte umane e, quindi, modificabili. Per Marx, non solo un altro mondo era possibile, ma addirittura inevitabile: «la borghesia non ha soltanto fabbricato le armi che devono darle la morte; essa produsse pure gli uomini che devono manipolarle – gli operai moderni, i Proletarii.» [2].

 Ritorno al passato

Ma mentre con Marx l’irrefutabilità dell’economia e con essa dei rapporti sociali sembravano essere rimessi in discussione, la nuova ondata di economisti, i marginalisti, preparava un ritorno al passato per altra via. Sebbene alcuni di essi furono critici nei confronti del capitalismo - Alfred Marshall (1842-1924) si disse addirittura d’accordo con alcuni principi del socialismo - i marginalisti effettuarono una vera e propria rivoluzione copernicana: l’economia abbandonò il punto di vista più o meno neutro che l’aveva caratterizzata e si trasformò in una specie di guida dell’imprenditore e del consumatore.

I concetti cardine divennero la massimizzazione del profitto per il primo e dell’utilità per il secondo. Le classi sociali scomparvero lasciando il posto ai «fattori produttivi»: si cominciò a parlare di remunerazione del lavoro per indicare le retribuzioni, di remunerazione del capitale per indicare i profitti e perfino la terra ebbe diritto a una remunerazione. Ma capitalisti, lavoratori e proprietari scomparvero dalla scena.

Il processo di disumanizzazione della scienza economica arrivò a compimento con l’idea di mercato: nessuno ne controlla il prezzo d’equilibrio, sia esso mercato della frutta o del «fattore lavoro», che invece risulta fissato dall’incontro fra due entità superiori e astratte: la domanda e l’offerta.

Ancora un passo avanti nella logica delle leggi immutabili.

 L’ultimo dei critici: Keynes

Nel 1929 tuttavia la realtà mise a dura prova i teorici dell’unica via possibile. E sotto le luci della ribalta si ritrovò ancora una volta un economista ostile alla presunta ineluttabilità delle leggi economiche.

A detta di John Maynard Keynes (1883-1946), che come Marx non ebbe alcun diploma di economia, quest’ultima doveva trovar posto sul sedile posteriore di un’automobile guidata dalla politica e dall’etica. La società governata dal solo mercato non avrebbe mai raggiunto un equilibrio soddisfacente e solo l’intervento dello Stato aveva qualche speranza di far sopravvivere il capitalismo.

 Controrivoluzione

Ma ad azione corrisponde reazione: la corrente marginalista si estremizzò dando origine alla scuola austriaca. Secondo il suo più eminente esponente, Friedrich Von Hayek (1899-1992), convinto sostenitore dell’ordine «spontaneo» del mercato, l’idea di un’organizzazione diversa della società non era solo scellerata, ma semplicemente impossibile: «le istituzioni si sono sviluppate nel modo particolare che conosciamo perché la coordinazione degli agenti economici che esse garantiscono è più efficace rispetto a quella garantita dalle altre istituzioni possibili» [3].

In altre parole: il mondo che abbiamo sotto gli occhi, buono o cattivo che sia, è l’unico possibile.

 E oggi?

Globalizzazione dei mercati, disfatta delle sinistre e individualismo imperante spingono anche gli osservatori più critici a rinunciare a costruire una società diversa. Eppure la crisi finanziaria in corso ha mostrato come idee che sembravano destinate ai libri di storia fino a ieri - nazionalizzazione delle banche in primis - possano tornare di bruciante attualità.

Mettendo a nudo il vuoto programmatico pluridecennale della sinistra, la crisi del neoliberismo ha finito per far cantare vittoria ai... neoliberisti: «E’ facile pensare che con essa (la crisi, ndr.) non si esauriranno né il capitalismo, né il mercato e non resteranno mute nemmeno le bistrattatissime culture liberali. [...] Non c’ è all’orizzonte un «altro mondo»» [4].

Al di là dell’evidente carattere scaramantico di tali affermazioni, bisogna confessare che la sinistra, caduta nella trappola dell’ineluttabilità del capitalismo e dell’onnipotenza del mercato, si è fatta trovare senza soluzione di ricambio. A tal punto che persino la sua componente più radicale non riesce a far altro che riproporre un mero ritorno al capitalismo keynesiano degli anni Settanta.

Ma guai a darsi per vinti. La crisi durerà diversi anni e il peggiore degli errori sarebbe di ricadere nella trappola dell’unica via possibile. Poiché proprio questa trappola ideologica costituisce da sempre la miglior strategia di conservazione dell’ingiustizia sociale.

Note

[1] An Inquiry into the Nature and Causes of the Wealth of Nations, Adam Smith, Londra - 1776

[2] Manifesto Comunista, Karl Marx e Friedrich Engels, Londra - 1848

[3] Essais de philosophie, de science politique et d’économie, Friedrich Von Hayek, Parigi - 2007

[4] La storia non finisce, Il Corriere della Sera, 6 dicembre 2008

Rispondere all'articolo


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /homepages/43/d274028608/htdocs/tmp/couteau-suisse/mes_fonctions.php on line 723

Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /homepages/43/d274028608/htdocs/ecrire/lib/safehtml/classes/safehtml.php on line 348

Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /homepages/43/d274028608/htdocs/ecrire/lib/safehtml/classes/HTMLSax3.php on line 46

Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /homepages/43/d274028608/htdocs/ecrire/lib/safehtml/classes/HTMLSax3.php on line 48

Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /homepages/43/d274028608/htdocs/ecrire/lib/safehtml/classes/HTMLSax3.php on line 49

Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /homepages/43/d274028608/htdocs/ecrire/lib/safehtml/classes/HTMLSax3.php on line 50

Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /homepages/43/d274028608/htdocs/ecrire/lib/safehtml/classes/HTMLSax3.php on line 52

Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /homepages/43/d274028608/htdocs/ecrire/lib/safehtml/classes/HTMLSax3.php on line 53

Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /homepages/43/d274028608/htdocs/ecrire/lib/safehtml/classes/HTMLSax3.php on line 54

Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /homepages/43/d274028608/htdocs/ecrire/lib/safehtml/classes/HTMLSax3.php on line 86

Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /homepages/43/d274028608/htdocs/ecrire/lib/safehtml/classes/HTMLSax3.php on line 93

Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /homepages/43/d274028608/htdocs/ecrire/lib/safehtml/classes/HTMLSax3.php on line 102

Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /homepages/43/d274028608/htdocs/ecrire/lib/safehtml/classes/HTMLSax3.php on line 109

Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /homepages/43/d274028608/htdocs/ecrire/lib/safehtml/classes/HTMLSax3.php on line 116

Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /homepages/43/d274028608/htdocs/ecrire/lib/safehtml/classes/HTMLSax3.php on line 123

Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /homepages/43/d274028608/htdocs/ecrire/lib/safehtml/classes/HTMLSax3.php on line 131

Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /homepages/43/d274028608/htdocs/ecrire/lib/safehtml/classes/HTMLSax3.php on line 220

Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /homepages/43/d274028608/htdocs/ecrire/lib/safehtml/classes/HTMLSax3.php on line 222

Deprecated: Assigning the return value of new by reference is deprecated in /homepages/43/d274028608/htdocs/ecrire/lib/safehtml/classes/HTMLSax3.php on line 224

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /homepages/43/d274028608/htdocs/ecrire/lib/safehtml/classes/safehtml.php on line 166

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /homepages/43/d274028608/htdocs/ecrire/lib/safehtml/classes/safehtml.php on line 167

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /homepages/43/d274028608/htdocs/ecrire/lib/safehtml/classes/safehtml.php on line 166

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /homepages/43/d274028608/htdocs/ecrire/lib/safehtml/classes/safehtml.php on line 167

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /homepages/43/d274028608/htdocs/tmp/couteau-suisse/mes_fonctions.php on line 723

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /homepages/43/d274028608/htdocs/tmp/couteau-suisse/mes_fonctions.php on line 723

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /homepages/43/d274028608/htdocs/tmp/couteau-suisse/mes_fonctions.php on line 723

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /homepages/43/d274028608/htdocs/ecrire/lib/safehtml/classes/safehtml.php on line 166

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /homepages/43/d274028608/htdocs/ecrire/lib/safehtml/classes/safehtml.php on line 167

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /homepages/43/d274028608/htdocs/ecrire/lib/safehtml/classes/safehtml.php on line 166

Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in /homepages/43/d274028608/htdocs/ecrire/lib/safehtml/classes/safehtml.php on line 167

4 Messaggi del forum

  • Un altro mondo è possibile? 1 giugno 2009 19:07, di Matteo

    Ho trovato davvero molto interessanti i contenuti di questo sito. Condivido appieno la tesi sostenuta e credo che la sinistra debba ritrovare il meglio della propria tradizione per rinnovarla. La crisi internazionale ha affondato tutte le pretese del neoliberismo, secondo cui il mercato dovrebbe «autoregolamentarsi». Qualche anno fa sarebbe stato vietato parlare di nazionalizzazione, e oggi vediamo che ce la ripropongono quegli stessi sostenitori del «libero» mercato. Persino il «New Labour» al governo in Inghilterra, nato dalla critica all’antiliberismo della sinistra, ha affrontato la nazionalizzazione di una banca e ha alzato addirittura l’aliquota più alta al 50 per cento. Davvero però stupiscono conversioni miracolose di chi del liberismo è stato, quanto meno di fatto, propugnatore fino a ieri. Ad esempio il premio nobel è stato dato recentemente all’economista Krugman, considerato un «liberal», sull’ondata del successo di Obama negli USA. Ma nessuno ricorda che nello scandalo che fece fallire migliaia di risparmiatori, Krugman sostenne le operazioni finanziarie delle Enron. Oppure, per tornare in Italia, uno come Tremonti che oggi critica l’economia di mercato, fu lo stesso che da Ministro dell’Economia fece le cartolarizzazioni del patrimonio pubblico e sostenne la legge 30 sul lavoro (che se non è mercatismo quello non so cosa lo sia).

    http://eresiarossa-matteo.blogspot.com/

    Rispondere al messaggio

    • Un altro mondo è possibile? 6 giugno 2009 09:43, di Redazione

      Grazie per il commento.

      Per quanto riguarda certe imprevedibili conversioni, è utile ricordare ciò che sostiene lo storico inglese Eric Hobsbawm: “La Rivoluzione francese ha rivelato la forza del popolo in un modo che nessun governo si è più permesso di dimenticare”.

      Oggi la priorità ideologica assoluta consiste nello scongiurare una rottura brutale nella fiducia che molti cittadini continuano tacitamente ad accordare ai loro dirigenti malgrado una situazione socioeconomica sempre più difficile.

      Per fare ciò occorre innanzitutto dare l’impressione di dissociarsi dalle politiche responsabili di tale situazione...

      Rispondere al messaggio

      • Un altro mondo è possibile? 15 settembre 2011 00:09

        Salve..vedo che il sito non è aggiornato...eppure è attualissimo vista la situazione di oggi, direi quasi profetico. Non si potrebbe continuare le riflessioni alla luce dei fatti che sappiamo? moneta unica, crisi default...

        Rispondere al messaggio

        • Un altro mondo è possibile? 17 settembre 2011 18:11, di Redazione

          Grazie per il commento.

          Per il momento, il sito viene aggiornato solo con risposte ai commenti. La redazione di nuovi articoli richiede molto tempo, risorsa rara.

          Se tuttavia i lettori che condividono le nostre convinzioni volessero darci una mano, li invidiamo caldamente a farcelo sapere : redazione@umanista.info.

          Grazie!

          Rispondere al messaggio